WOW! LE MACCHINE DI LEONARDO A TASSULLO IN VAL DI NON

TASSULLO | DA LUNEDÌ 1 LUGLIO A VENERDÌ 2 AGOSTO 2019 | MOSTRA “LE  MACCHINE DI LEONARDO” | Un interessantissimo percorso a 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci. Un’esposizione di modellini perfettamente funzionanti (alcuni dei quali si possono anche provare), ricavati dai disegni riportati sui Codici Vinciani e realizzati con la stessa precisione che il grande studioso e artista ha previsto.

La mostra delle macchine di Leonardo sarà visitabile ogni martedì dalle 16 alle 18; mercoledì e giovedì dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18; venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 21.30. I visitatori potranno abbinare la tappa alla mostra con una visita ai castelli Valer e Nanno (la biglietteria si trova proprio a Palazzo Pilati). L’iniziativa voluta dall’amministrazione comunale di Ville d’Anaunia guidata dal sindaco Francesco Facinelli ha ricevuto il prezioso sostegno della Comunità di Valle della Val di Non, del Centro Culturale d’Anaunia e della Cassa Rurale Val di Non.

La mostra itinerante ha già accolto un vastissimo pubblico in moltissime città d’Italia e all’estero dove ha fatto tappa. Tutti – ed in particolare i più giovani – sono invitati a visitarla per apprezzare i modelli che fanno parte della più grande collezione privata di macchine di Leonardo Da Vinci a livello mondiale, iniziata da Carlo Niccolai negli anni Sessanta. Dai disegni dei Codici Vinciani è stato possibile sviluppare, grazie all’abilità artigianale della famiglia Niccolai e alla documentazione storica, decine di modelli distinti tra loro, utilizzando materiali dell’epoca: legno, metallo, cordame, stoffe. Seguendo le tradizioni dell’artigiano fiorentino, Niccolai ha trasmesso la passione ai figli e ai nipoti. I quali, grazie anche alla conoscenza delle nuove tecnologie, hanno potuto ampliare la collezione e realizzare oltre cento esposizioni in tutto il mondo negli ultimi dieci anni.

LA STORIA

Modello dopo modello, quasi 60 anni fa Carlo Niccolai diede inizio ad una vera e propria collezione di macchine funzionanti di Leonardo. Dopo aver acquistato e letto attentamente alcune pagine dei Codici del grande genio, iniziò a replicare i progetti in scala più larga, addirittura a grandezza naturale, trasformandosi letteralmente in un falegname. Un’attività che portò avanti all’interno del suo laboratorio di accessori per l’alta moda italiana. Lavorare il legno non è un mestiere semplice, soprattutto se bisogna dare vita attraverso il lavoro manuale a dei progetti di secoli e secoli fa, oltretutto senza che nessuno li abbia mai realizzati. Niccolai però non è mai dato per vinto e, grazie all’intraprendenza del figlio Gabriele, si è fatto conoscere nell’ambito accademico. Ovviamente, senza l’apporto di studiosi capaci di leggere, decifrare e riportare alla maestria artigianale gli appunti che Leonardo scriveva di fianco ai modelli dei Codici, Carlo Niccolai non avrebbe mai affinato i suoi modelli, che hanno fatto il giro del mondo.

 

 

ORARI MOSTRA

martedì dalle 16 alle 18

mercoledì e giovedì dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18

venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 21.30

__________________________________________________

©Fotografie: www.macchinedileonardo.com